l'Oracolo: n. 198


Fonte: Lu. 13,18


Vangelo

Diceva dunque: “A che cosa è simile il regno di Dio, e a che cosa Io rassomiglierò? È simile a un granellino di senapa, che un uomo ha preso e gettato nell'orto; poi è cresciuto e diventato un arbusto, e gli uccelli del cielo si sono posati tra i suoi rami”. E ancora: “A che cosa rassomiglierò il regno di Dio? È simile al lievito che una donna ha preso e nascosto in tre staia di farina, finché sia tutta fermentata”.


Commento

Sarebbe saggio dedicare più attenzione a quelle piccole, trascurabili cose di cui a malapena, solitamente, ci si accorge. Sembrano un’inezia, ma se ben coltivate possono assumere proporzioni capaci persino di lasciarci stupefatti.


Quindi oggi...

non trascuriamo di prenderci cura delle cose e delle persone che siamo abituati a considerare irrilevanti. Tra ciò che la consuetudine porta, tra le persone che fanno parte d’una scontata routine, sta discretamente in disparte un’entità più che mai promettente.


Citazione

Si era nella notte dei tempi e Dio era ancora immensamente piccolo.
Giobbe Covatta


TORNA ALLA SCELTA
© Copyright 2016 - VoVeVi - Voce del Verbo Vivere
Tutti i diritti su testi, materiali e contenuti sono riservati. Privacy Policy
Torna su